fbpx

Io sono vivo e non concludo. La vita non conclude. E non sa di nomi, la vita. Quest’albero, respiro trèmulo di foglie nuove. Sono quest’albero. Albero, nuvola; domani libro o vento: il libro che leggo, il vento che bevo.


Luigi Pirandello

L'Arca nel Bosco

L'Arca nel Bosco è un progetto di ricerca che investiga sui dinamismi espressivi e relazionali in ambito educativo, formativo e artistico.
L'Associazione Centro di Pedagogia dell’Espressione L’Arca nel Bosco viene costituita nel 2018 a seguito di una lunga frequentazione filosofica, antropologica, educativa e artistica delle socie fondatrici nell'ambito della Pedagogia dell'Espressione, materia di insegnamento all'interno del Dipartimento di Scienze della Formazione dell'Università Roma Tre.
Le attività proposte mirano a promuovere la conoscenza di sé, il benessere sociale, la relazione con la natura e le forme dell'arte.

Socie fondatrici: Laura Bartoletti, Federica Arlotti, Gabriella Agostini, Valentina Tinelli.


Socie Fondatrici

Laura Bartoletti


Diplomata nel 2001 presso il Laboratorio di Teatro Corporeo e di Parola “Le Trasformazioni di Pictor” e nel 2014 presso il "Master in Pedagogia dell’Espressione" dell’Università degli Studi Roma Tre, entrambi sotto la direzione di Gilberto Scaramuzzo. Laureata in filosofia a indirizzo pedagogico, da anni è impegnata professionalmente presso L’Albero della Vita Onlus, organizzazione umanitaria che opera a favore dell’infanzia e dell’adolescenza con progetti socio-assistenziali ed educativi in Italia e nel mondo, e da sempre si dedica a integrare metodologie espressive e linguaggi artistici in azioni sociali volte a favorire processi di consapevolezza, partecipazione e cambiamento. Coltiva in modo continuativo una personale ricerca espressiva attraverso movimento e teatro corporeo, vocalità e canto, scrittura e disegno.
Federica Arlotti


Antropologa e musicista con formazione pedagogico teatrale sul Metodo mimico di Orazio Costa, appreso da Gilberto Scaramuzzo all’interno del progetto Mimopaideia e del gruppo di ricerca MimesisLab – Laboratorio di Pedagogia dell’Espressione, Dipartimento di Scienze della Formazione, Università degli Studi “Roma Tre”. Cultrice della Materia prima in Teatro ed Educazione e poi in Pedagogia dell’Espressione, tutor e docente del passato Master in Pedagogia dell’Espressione presso il medesimo Dipartimento. Esperta di dinamiche espressive e relazionali all’interno dei processi formativi e di apprendimento. Ha partecipato a diversi spettacoli teatrali come musicista di scena.
Valentina Tinelli


Dirigente di comunità infantili, lavora nel mondo dell’infanzia con un’esperienza ventennale come educatrice nella fascia zero-tre anni e come conduttrice di laboratori espressivi per ogni fascia d’età. Attrice di prosa e performer di teatro corporeo; si forma per lunghi anni nel metodo mimico di Costa con G. Scaramuzzo. Collabora con il Mimesislab - Laboratorio di Pedagogia dell’Espressione - Dipartimento di Scienze della Formazione - Università Roma Tre, creando laboratori sulla Pedagogia dell’Espressione in scuole di ogni ordine e grado e con docenti e gruppi di adulti. Volontaria del Sorriso dopo la formazione in Clown Terapia ha lavorato presso l’ospedale S.Camillo e prestato volontariato presso la Casa di Peter Pan onlus che ospita le famiglie con bambini in cura all’ospedale Bambin Gesù (reparto oncologico ed ematologico).
Gabriella Agostini


Educatrice, si forma presso la cattedra di Pedagogia dell’Espressione diretta dal prof. Gilberto Scaramuzzo, Dipartimento di Scienze della Formazione dell'Università degli studi di “Roma Tre”, sperimentando e approfondendo il Metodo mimico di Orazio Costa Giovangigli. Le sue attuali attività di ricerca la vedono impegnata nello studio e nell’approfondimento di temi sviluppati dalla filosofa dell’educazione Edda Ducci, con particolare riferimento alle questioni che attengono alla categoria del "contagio educativo", alla nozione di interiorità umana e alla dimensione dialogica dell'insegnare-educare-formare.  Punti cruciali delle sue ricerche: “come un insegnante esprime sé? Come arriva ad esprimersi, rendere vivo quello che insegna? E come avviene il processo di apprendimento?”.